My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

Séance de minuit

Fahrenheit 451 di Ramin Bahrani

Ci sono storie di fantascienza distopica eternamente adattabili alla contemporaneità. Accade per esempio con 1984 di Orwell, con I Am Legend di Matheson, con diversi romanzi di Philip Dick e naturalmente con Fahrenheit 451 di Bradbury: scritti in decenni minacciati da totalitarismi, guerre mondiali calde o fredde, consumismo e consumismo, questi libri sapevano raccontare il loro presente immaginando il nostro (e quello futuro), pauroso, svuotato o superaffollato, rigonfio di condizionamenti o di illusioni barbare.

Quando nel 1966 François Truffaut adattò il romanzo del 1953 di Bradbury, ne fece una storia tristissima di amori raggelati, culture eterodirette, identità annullate; i libri, "l'essere libro" salvavano la vita, il cuore, l'umanità del pompiere Montag e degli altri ribelli, in mezzo ai boschi che li accoglievano, in contrapposizione all'asettica linearità degli ambienti, gli abiti, gli arredamenti della città: ai gelidi agi dell'era robotica si contrapponeva una civiltà preindustriale coltissima.

Anche Ramin Bahrani cerca una chiave contemporanea per il suo nuovo adattamento e la trova (con fin troppa facilità) nella scomparsa non solo dei libri e dei giornali ma, in generale, di tutte le arti (cinema compreso), della cultura e della storia, giunta quando il pubblico ha cominciato a leggere solo i titoli generati da un algoritmo. Quando la gente si è stancata di sentirsi disturbata, di essere messa in crisi dalle opinioni diverse (politiche, filosofiche, religiose) che si accavallano. Perché dover scegliere e perciò pensare? E, dopo una Seconda gerra civile americana (del quale il film non ci dice praticamente nulla), il nuovo regime ha abolito tutta la cultura, bruciandola.

I nomi, le immagini, i titoli, i volti e i quadri celebri si accavallano velocemente consumati dal fuoco, mentre la popolazione osserva gli incendi dai maxischermi disseminati ovunque, in una città che è discendente diretta di quella di Blade Runner (uno e due), in una rappresentazione che vorrebbe essere futuribile, ma invece è già vecchia.

Il cinema (e la buona letteratura di SF) ha già visto, superato e talvolta distrutto tutto questo. Non c'è passione nel nuovo Fahrenheit, non c'è invenzione visiva, non ci sono abbastanza dubbi e tristezze, follia e, paradossalmente, cultura. È un po' il Fahrenheit 451 dell'era di Wikipedia. E persino l'azione lascia a desiderare. Solo la matura signora che si dà fuoco con un fiammifero in mezzo alla sua gotica e maestosa biblioteca risveglia l'orrore e il dolore esterrefatto del romanzo di Bradbury e del film di Truffaut, mentre tutto il resto scorre tra i dialoghi un po' pomposi tra Michael B. Jordan (Montag) e Michael Shannon (il suo capo, Beatty), una sbrigativa storia d'amore e il rincorrersi di pompieri, ribelli e spioni.

Confuso, edulcorato e per nulla inquietante.