My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

Concorso

Un couteau dans le coeur di Yann Gonzales

Due ragazzi seminudi, una scena porno en plein air, passano sul visore di una moviola, avanti, indietro, stop: le coordinate ridicole, spensierate e un po’ cialtrone, del blue movie che Lois (Kate Moran) sta montando sono già evidenti.

È l’estate del 1979: Lois è la montatrice dei film prodotti da Anne Parèze (Vanessa Paradis); ma è anche la sua amante, e si capirà presto che la storia pare arrivata al capolinea. I film che fanno si rivolgono a un pubblico di soli uomini, sono girati in fretta, su set “a conduzione familiare”, pagati relativamente bene, e hanno quasi tutti titoli ironicamente porno-poetici, come De sperme… et d’eau fraiche. Ma la “famiglia” ha una vita anche lontano dal set. Una notte, durante una festa in maschera, il più giovane, e si potrebbe dire angelico, degli attori di questa factory del porno, viene sedotto e accoltellato a morte, durante un rapporto sessuale, da un uomo dal volto coperto; un delitto che implica un sussulto ironico rispetto alle aspettative create dal titolo, evocando un’oscillazione, tra coeur e cul, cara ai surrealisti, che espressa in italiano suonerebbe ancora più efficace. È il primo degli omicidi ai danni dei collaboratori di Anne, ma non c’è da aspettare troppo, a un certo punto arriveranno anche le coltellate al cuore, quelle metaforiche e quelle fisiche.

Nessuno, niente è davvero straight, nel microcosmo delineato da Yann Gonzalez, tutto è queer. A eccezione della forma. Come e più del precedente Les rencontres d’après minuit (e ai tanti corti che Gonzales ha realizzato prima e dopo quello), infatti, Un couteau dans le coeur è estremamente attento alla cura formale. Un’attenzione che non implica però uno sguardo calligrafico o leccato – certo, la fotografia, in pellicola, di Simon Beaufils è, in più di un punto, un prodigio di rievocazione mimetica, dell’epoca e dei riferimenti visivi prediletti dall’autore –, ma, anche e soprattutto nell’essere kitsch, una visione affine, se non proprio conforme, a dei modelli precisi.

Affine alla forma, alla costruzione, di quelli che sono i capisaldi della sua adolescenza cinefila e un po’ nerd nella provincia francese; fedele a un entusiasmo bulimico per i film di genere degli anni ’60 e ’70 (italiani, ma non solo): c’è Mario, c’è Lamberto, c’è Dario, c’è Lucio, c’è Georges, c’è Jacques, c’è Brian. Ma lo scopo del prelievo dal cinema di questi autori non vuole limitarsi a indurre lo spettatore al riconoscimento catalogico dei singoli pezzi, delle sequenze citate, degli objets trouvés: nessuno darà un premio a chi avrà identificato e inventariato tutti i segmenti e i riflessi di Argento, Franju, Bava o De Palma che sono la struttura del film; né è il caso di giocarci a Jenga, per vedere se togli qui, togli là, la statica regge.

Quello di  Un couteau dans le coeur è un cinema che chiede allo spettatore un patto diverso: quello di abbandonarsi dentro questa sua struttura/chimera, dentro i suoi toni progressivamente surreali e di fiaba nera, alle sonorità amniotiche dei sintetizzatori dreampop degli M83 – ovvero il gruppo del fratello di Gonzalez, Anthony, con il quale lo stesso Yann collabora –, di accettare una recitazione spesso volontariamente non naturalistica o esplicitamente fuori rigo, e percorrere il tracollo del risky business di Anne Parèze. Seguirla nell’indagine che la porta a scoprire, nel cuore della foresta, l’identità e il movente del killer, banalissima ma universalissima matrice di tanta parte dei problemi umani, ovvero la repressione, la castrazione; ma accompagnarla anche nella sfida sfacciata di mettere in scena, in chiave erotica, quello che le accade attorno. Eros che sbeffeggia per davvero Thanatos – ma questo non vuol dire che non ne abbia una paura fottuta –, in quell’ultimo tratto di stagione edonistica a cavallo tra gli anni ’70 e ’80, nel prequel dell’epidemia dell’AIDS, di cui, senza neanche troppi forse, questa serie di omicidi è un’anticipazione metaforica.

Certo, è un patto spettatoriale che, per parafrasare Matteo/Scamarcio in Euforia, «dipende tutto dall’interlocutore».