My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

Sisters, 1973

Le due sorelle

Probabilmente il primo film depalmiano al cento per cento. Pieno zeppo di tutto quello che il cinema del regista newyorkese era e sarebbe stato. Hitchockiano fino al midollo – quasi un remake di Psyco – eppure assolutamente personale, di un rigore assoluto e che nel 1973 somigliava poco o nulla a quello che si vedeva. Le due sorelle è un film libero, che va dove vuole e mischia i generi come gli pare. Che fa della New Hollywood uno strumento più che un modello e che inizia a imporre uno stile. Un film fatto di evidenze e simboli psicanalitici che stanno dentro, in quanto funzionali, alla narrazione. Come i decentramenti formali (le inquadrature larghe con i personaggi spostati dal focus, le soggettive sbilenche) che fanno eco a quelli semantici (l’essere straniera di Danielle e Staten Island che è New York senza esserlo per davvero). O i tagli che sono simbolici (lo split screen, metafora della dissociazione della protagonista) o effettivi (le cicatrici, la ferita mortale di Mike). Tutti elementi che contribuiscono a rendere il film teso, minaccioso e imprevedibile, senza sub-plot fuorvianti o divagazioni narrative ma capace – come le gemelle del titolo – di essere una cosa sola e due (o di più ancora) nello stesso tempo.