My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

Incontri ravvicinati

Nell'elenco dei film che promettono bene ma poi non mantengono, inseriamo Under The Skin di Jonathan Glazer, la storia dell'aliena bella e letale, che offre una ventina di minuti suggestivi, forieri di chissà quali sviluppi, e poi finisce per balbettare immagini cool, sequenze "sospese" e l'inevitabile scoperta del corpo e del fattore umano (nel bene e nel male), lasciandoci lì un po' così.

In confronto, è molto più alieno Donald Rumsfeld (proprio perché sembra più "umano"), che accetta la sfida di Errol Morris (The Unknown Known) e, da attore consumato qual è, ne esce benissimo e malissimo, impeccabile nella sua logica opportunistica, avvolta nella nebbia di una cortina fitta di parole, dentro cui finisce per ingarbugliarsi e confondersi almeno un po'.

La classifica dei film veneziani preferiti da Cineforum, che vede sempre in testa Frears e Gröning, va aggiornata con l’ingresso di Tom à la ferme, che si attesta intorno al 3,4, e di Ana Arabia, il film-piano-sequenza di Amos Gitai, che arriva a 3,3. Superati entrambi, però, quanto a gradimento, da Locke, il film di Steven Knight fuori concorso, che si è guadagnato un 3,6 (parecchi 4 e anche un 5).  

Intanto piovono interviste su CineforumWeb, dai grandi registi che vale la pena conoscere meglio, agli esordienti che incontriamo per la prima volta e che vanno tenuti d’occhio. Dopo William Friedkin, Kelly Reichardt e Rick Ostermann (senza dimenticare le tre domande di Barbara Sorrentini a Valerio Mastandrea, Alessandro Rossetto, Emma Dante…) ecco ora Alexandros Avranas e Matteo Oleotto. Nei prossimi giorni, vi faremo incontrare anche Frederick Wiseman e Tsai Ming-liang. Continuate a seguirci!