My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

INTERVISTE

«Mélo, punk, diversamente buffo»

«Un melodramma un po' punk alla Fassbinder, ma anche "diversamente buffo"». Ecco cosa aveva in mente Asia Argento girando il suo Incompresa. L'estetica è quella delle Polaroid, «una memoria un po' sbiadita», non certo rimossa, semmai trasformata. C'è un «omaggio al capolavoro di Comencini», ma c'è soprattutto «una soggettiva infantile», ai tempi in cui «l'infanzia non era lobotomizzata», dentro una famiglia imperfetta, in cui i «genitori sono troppo occupati da loro stessi». Un film «in costume tra virgolette»: lo scopo era cercare la verità di quell'infanzia. 

Asia Argento è stata intervistata da Barbara Sorrentini, in collaborazione con Radio Popolare.