NEWS

Orlando: identità e relazioni

Film in anteprima, spettacoli di danza e teatro, performance, incontri, reading musicali: cinque giorni ricchi di proposte per la nuova edizione di Orlando. Identità, relazioni, possibilità, la rassegna di Laboratorio 80 dedicata a identità di genere e orientamenti sessuali.

Partita oggi a Bergamo, andrà avanti fino a domenica 17 maggio, Giornata internazionale contro l’omofobia. Gli appuntamenti, più di 20, si terranno all’Auditorium di piazza Libertà e in alcuni altri spazi della città: per intrattenere e divertire ma anche per suggerire riflessioni che aiutino a costruire una società aperta e libera dagli stereotipi, in cui possano coesistere diversi tipi di identità e relazioni.

Capitolo importante del programma 2015 è quello cinematografico: in calendario ci sono 12 film, tra cui diversi in anteprima. Raccontano amori, sperimentazioni, relazioni anti-convenzionali, differenze, protagonismi, difficoltà. Tra i titoli è da segnalare il lungometraggio Something Must Break dello svedese Ester Martin Bergsmark: un film del 2014, che racconta la storia d’amore elettrica e perturbante tra l’androgino Sebastian, che sogna di essere una ragazza chiamata Ellie, e il giovane Andreas, a sua volta alle prese con la difficoltà di capirsi e mettersi in dubbio (giovedì 14, ore 20,30, Auditorium). Interessante è anche The Duke of Burgundy del britannico Peter Strickland. Protagonista la relazione erotica tra l’austera entomologa Evelyn e la dimessa cameriera Cynthia: un rapporto in cui niente è come sembra e il gioco delle parti diventa una seducente esplorazione (sabato 16, ore 20,45, Auditorium).

In anteprima italiana Stonewall, cortometraggio appena realizzato dall’italiano Francesco Scarponi, con la produzione di Lab 80 film: con disegni animati e filmati d’archivio vengono raccontati la nascita e le conquiste del movimento gay americano degli anni ’70 (domenica 17, ore 20,45, Auditorium).

Spicca, inoltre, la sezione dedicata ai film di Andy Warhol: in collaborazione con PLAY ArtDate vengono proposti due film in 16 millimetri dell’artista americano, arrivati per l’occasione dal MoMa di New York. Ci saranno Camp, del 1965, film-varietà in cui compaiono alcune “superstar” della famosa Factory di Warhol (sabato 16, ore 18, Auditorium), e il cortometraggio Mario Banana, del 1964, protagonista Mario Montez, “la madre di tutte le drag queen”  (domenica 17, dalle 10, al BACO Arte Contemporanea di Città Alta).

Le iniziative di venerdì 15 maggio sono invece all’insegna della danza, organizzate in collaborazione con il Festival Danza Estate. Protagonista è lo spettacolo Joseph di Alessandro Sciarroni, che va in scena alle 21 in Auditorium: la danza di fronte a una webcam diventa occasione per confrontarsi con il proprio doppio, cambiando prospettiva e creando un nuovo contatto con il sé (alle 17,30 la versione per bambini).

Domenica 17 spazio a Pier Vittorio Tondelli, indimenticabile scrittore omosessuale scomparso nel 1991. Lo scrittore Andrea Demarchi e il cantautore Maurizio Bonino propongono brani della sua produzione: cominciando da Altri libertini, bellissimo romanzo ad episodi con cui l’autore si è imposto nel panorama letterario italiano ed europeo nel 1980, passando poi da lavori come Camere separate e Pao pao (Sede del Teatro Tascabile in Città Alta, ore 17,30).

Il programma completo di Orlando si trova sul sito dedicato alla rassegna www.orlando.lab80.it. Comprende anche un incontro dedicato alle discriminazioni sui luoghi di lavoro, organizzato in collaborazione con Cgil, Avvocatura per i diritti LGBTI – Rete Lenford e Università di Bergamo (Dipartimento di Giurisprudenza); iniziative dedicate a bambini e studenti e l’anteprima dello spettacolo Matrioskar della compagnia BilicoTeatro. Diversi anche i momenti di convivialità, con buffet proposti da Bergamo Vegan, Cooperativa Il Seme, Bistrot Afrodita e Circolo Arci Maite.

“Quello di Orlando è un viaggio – dice Mauro Danesi, organizzatore della rassegna per Laboratorio 80 -, un viaggio nel mondo delle rappresentazioni legate alle identità di genere e agli orientamenti sessuali. Dare spazio a proposte artistiche di qualità su queste tematiche è necessario, per aprire gli orizzonti sulle complessità delle identità e delle relazioni facendo cultura in positivo: obiettivo non è dare risposte preconfezionate ma mostrare storie dal di dentro, aprendo riflessioni che vanno oltre stereotipi e preconcetti. C’è un bisogno di conoscenza e comprensione ed è un bisogno culturale prima ancora che sociale o politico”.

 

 

Orlando è organizzato da Laboratorio 80, con il patrocinio del Comune di Bergamo e del Tavolo permanente contro l’omofobia del Comune di Bergamo. In collaborazione con Avvocatura per i diritti LGBTI – Rete Lenford, Bergamo contro l’omofobia, ArcilesbicaxxBergamo, Arcigay Bergamo Cives, Centro Isadora Duncan, CGIL Bergamo,

Lab 80 film, Festival Danza Estate, Agedo, Alilò futuro anteriore srls, Bergamo Film Meeting, Bergamo Vegan, Bistrot Afrodita, Cooperativa Il Seme - Commercio equo e solidale, Famiglie Arcobaleno, Gender Bender, Li.ber - Associazione Librai Bergamaschi, L’ORA -Osservatorio sui Segni del Tempo,  Maite Bergamo Alta Social Club, PLAY ArtDate, Sicilia Queer filmfest, The Blank Contemporary Art, TTB Teatro tascabile di Bergamo - Accademia delle Forme Sceniche.

 

Trailer della rassegna (46’’)  https://vimeo.com/125465473

Teaser (3:39’) https://vimeo.com/lab80film/review/126300826/9d640f57ba

 

Informazioni per il pubblico

035342239 - info@lab80.itwww.orlando.lab80.it

 

Ufficio Stampa Lab 80

Sara Agostinelli

0355781022

press@lab80.it

www.lab80.it