My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

Zhao Liang

Behemoth

Filmare la realtà. Una realtà sconvolgente, terribile, vertiginosa. Ma farlo mediante una costruzione estrema, attraverso una messa in opera complessa e geometrica, curata sin nei minimi dettagli.

È su questo discrimine visivo che si regge l’ultima monumentale opera di Zhao Liang. Con Behemot il regista cinese dimostra di aver superato e reso del tutto superfluo il (già di per sé poco interessante) distinguo fra fiction e documentario. Perché questo racconto – della vita e soprattutto della morte – dei minatori che scavano oro e carbone nei giacimenti minerari al confine fra la Cina e la Mongolia, abbandona sin dalle prime inquadrature la volontà di diventare un documentario politico (pur non scordandosi mai di esserlo) e punta alla costruzione di un universo visivo che codifichi la realtà come qualcosa di astratto.

I tagli netti, evidenti, che rompono la linearità del nostro sguardo e frastagliano la profondità di campo – che notiamo sin da subito e che il regista opera su tutti i campi lunghissimi che inserisce nel film – stanno lì a dirci esattamente questo. Ovvero l'impossibilità di guardare il mondo con realismo, quando è il mondo stesso ad apparire trasfigurato. E laddove le miniere, i buchi, le voragini e le montagne sventrate non fanno più impressione e appaiono come spettacoli di una natura che, seppur violata, suscita uno scalpore molto contenuto, questi tagli nel campo dell’inquadratura, nella loro linearità e artificialità, restituiscono il senso di un mondo che si sbriciola e ci affonda sotto i piedi.

Lo si vede anche nella scelta narrativa (perché un racconto, seppur molto esile, tanto da assomigliare quasi a un commento, esiste): Zhao infatti rielabora il messaggio della Divina Commedia. Il procedere della storia (che una voce fuori campo inizia a raccontare citando l’incipit del poema dantesco) è quello di un viaggio che, partendo dagli inferi, intende giungere sino al Paradiso. E il protagonista, con la sua guida, che si trascina uno specchio sulle spalle, attraversa luoghi, paesaggi e città incontrando le anime di gente viva ma che sembra già defunta. Arrivando infine a scoprire che l’unico luogo disabitato e vuoto è proprio il Paradiso.

Tre momenti, come le tre cantiche, dividono il film: la prima introdotta dallo schermo nero ci porta fra i minatori che scavano l’oro; la seconda, dopo uno schermo che si tinge di rosso, presso gli operai che fondono l’acciaio; la terza, dopo una dominante di colore blu, mostra le sconcertanti conseguenze fisiche del lavoro nelle miniere di carbone. L’armonia dei colori, la scelta attenta e rigorosa delle cromie è quindi, per Zhao, un ulteriore dispositivo stilistico attraverso cui incanalare e modellare l’idea di racconto del reale che sta alla base di questo lavoro. 

La chiusura fra le città deserte della Cina settentrionale, laddove i palazzi sono ultimati, le strade finite e in perfette condizioni, e funzionano persino l’illuminazione e i semafori, ma dove non abita nessuno, è invece la messinscena di una grottesca contraddizione o di un assurdo paradosso. Zhao che sceglie questi posti per ambientarci il suo Paradiso lo identifica come la parte estrema e più alta di un medesimo corpo mostruoso. Il Behemoth del titolo, la colossale creatura della tradizione ebraica che sta distesa a fare scempio degli uomini e osserva con indifferenza ciò che la circonda. Un mostro che è in ultima analisi l’uomo stesso. Lo stesso uomo che compie il viaggio metaforico, quindi che penetra all’inferno e non riesce più a fare ritorno, né a giungere alle sfere celesti. Anche se quello che più sconcerta, e che il Virgilio del film testimonia molto bene, è che la creatura mostruosa non ha alcun avvertimento della propria esistenza e non riesce mai a vedere e riconoscere la propria immagine. Nemmeno quando questa è riflessa dallo specchio che ha di fronte.

 

IL FILM

Beixi moshuo
Zhao Liang
Cina-Francia, 2015, 95'
Produzione:
Institut National de l'Audiovisuel

Sotto il sole, la bellezza delle distese erbose è consumata dalla polvere delle miniere. Tra le ceneri e il frastuono, i pascoli si riducono e ai pastori non resta che partire. I minatori sono occupati a riempire di carbone i camion. Sono creature simili a fantasmi. Dopo decenni passati a respirare la polvere di carbone, la morte è dietro l’angolo, e loro vivono un’esistenza da purgatorio. Ma alla fine non ci sarà nessun paradiso.




TRAILER