Adam Wingard

Il sangue non basta

L’horror made in USA di questi ultimi anni si arrovella stancamente nelle sue pieghe sanguinanti, pressato tra la bulimia grandguignolesca del torture-porn e la mestizia dogmatica del found footage. Tra un simil-Hostel e un succedaneo della Strega all’aficionado dei brividi può venire in aiuto una variazione sul sempreverde canovaccio dei serial killer all’assalto di famigliole isolate nelle campagne.

Il filone ha l’imprimatur teorico dell’astuto Michael Haneke con il suo doppio Funny Games, austriaco e americano, a cui sono seguiti altri tasselli di valore come Them e The Strangers: proprio quest’ultimo sembrerebbe essere la fonte principale di You’re next, diretto e montato dal trentenne specialista in spaventi Adam Wingard (A Horrible Way to DieV/H/S).

Dopo un attacco fulmineo ci ritroviamo davanti alla consueta riunione di clan, in conflitto sotterraneo, nella consueta casa sperduta a molte miglia dalla civiltà e dal 911.Scricchiolii, tonfi, porte che sbattono, sospensione, soggettive degli “altri” che scrutano la combriccola. Finché una freccia sfonda la barriera della comunità infelice e tre anonimi con maschere di volpe, agnello e lupo avviano un’insensata festa di morte.

Le gesta dei mostri sono raccontate attraverso un copioso scialo di sangue inframmezzato da spaventi e pause di assestamento. Wingard abusa di ralenti e camera traballante ma sa colpire allo stomaco, di efferatezza in efferatezza, con usi creativi di frullatore, cacciavite e tritacarne: disgraziatamente a tre quarti il coinvolgimento scema con il tentativo maldestro di fornire una motivazione razionale alla foga stragista dei tre uomini-bestia. In questo modo quella che vorrebbe essere una trovata per rilanciare la tensione finisce per imbottigliare il film in un cul-de-sac telefonato con tocchi umoristici stonatissimi.

Plauso alla Final Girl Sharni Vinson (unica viva in un cast di tocchi di legno) e alla colonna sonora carpenteriana a più mani. Nota di demerito per lo sceneggiatore-produttore Simon Barrett che avrebbe dovuto far tesoro della lezione dei suoi predecessori, che impauriscono senza una stilla di sangue e senza spiegare nulla oltre a una fredda matematica della paura.   

IL FILM

id.
Adam Wingard
Usa, 2011, 95'
Sceneggiatura:
Simon Barrett
Fotografia:
Andrew Droz Palermo
Montaggio:
Adam Wingard
Musica:
Mads Heldtberg, Jasper Justice Lee, Kyle McKinnon
Cast:
Sharni Vinson, AJ Bowen, Ti West
Produzione:
HanWay Films, Snoot Entertainment
Distribuzione:
Eagle Pictures

Erin, in compagnia del fidanzato Crispian, raggiunge la casa di campagna dei genitori di lui per conoscere la famiglia del ragazzo. Le liti e le aspre discussioni fra i Crispian e i fratelli, durante la cena, saranno bruscamente interrotte dall’incursione in casa da parte di una banda di assassini mascherati da animali, armati fino ai denti e intenzionati a eliminare tutti gli abitanti.




TRAILER