Pedro Almodóvar

Julieta di Pedro Almodóvar

Pedro è tornato. Tornato al Suo cinema, alle donne, al dramma, ai sentimenti, al destino, alla colpa, ai figli, alle madri. Tornato a Tutto su mia madre, a Volver, a un mondo dove il décor è il racconto e il racconto è l'anima della messa in scena.
Tutto è misura in Julieta, non meccanicità ma misura. Il dramma si costruisce, si articola nel tempo, nel suo racconto in flashback, nelle tappe che lo fanno avanzare mentre emerge dal passato fino a oggi attraverso gli ambienti, gli abiti, gli oggetti. Senza mai spingersi un millimetro più in là del punto in cui fermarsi è la scelta giusta. Perfino al di qua della lacrima, dell'incontro, della conciliazione, del confronto.

Un dramma che si fonda nel silenzio, nel rifiuto della parola, non può che trovare compimento nel suo stesso dire, senza bisogno di altro.

La vita di Julieta inizia su un treno proprio nel momento in cui rifiuta di parlare a un uomo che sembra molestarla. Quell'uomo, dopo pochi istanti, si suicida segnando per sempre con il marchio della colpa l'esistenza della donna. Quella stessa notte, su quello stesso treno, Julieta conosce però anche l'uomo della sua vita e concepisce sua figlia. Che il destino le farà perdere nuovamente, entrambi, nel silenzio di un confronto rifuggito.

Quando Julieta individua come unica possibilità di uscire dalla colpa il ripercorrere la propria esistenza, capisce che l'unico modo è cercare, finalmente, di raccontare la sua storia e i segreti custoditi dal silenzio.

Abbandona la casa bianca in cui i ricordi sono stati rimossi, sostituiti dalla fredda pulizia della somma di tutti colori e torna alla complessità della carta da parati. Girali e arabeschi che invadono lo spazio e si alternano a colori densi pieni dei segni del tempo e del peso della memoria. Questo è lo sfondo che Julieta sceglie per riprendere la sua vita in mano scrivendo seduta all'unico mobile che occupa l'ultima delle case della sua vita. Quella scelta per raccontare, replica vuota e invecchiata dell'appartamento in cui insieme le due cercavano di sopravvivere alla tragedia.

Per la prima volta, come sanno fare le donne del cinema di Almodóvar, come Manuela, come Raimunda, come tante grandi donne del cinema classico, Julieta non subisce più il destino ma fa la sua scelta: rinuncia alla possibilità di una nuova vita fondata sulla rimozione, per ripercorrere e narrare il passato. Senza soluzione. Perché la soluzione è il racconto stesso.

IL FILM

Julieta
Pedro Almodóvar
Spagna, 2016, 99'
Sceneggiatura:
Pedro Almodóvar
Fotografia:
Jean-Claude Larrieu
Montaggio:
José Salcedo
Musica:
Alberto Iglesias
Cast:
Nathalie Poza, Michelle Jenner, Emma Suárez, Darío Grandinetti, Adriana Ugarte, Priscilla Delgado, Rossy De Palma
Produzione:
El Deseo
Distribuzione:
Warner Bros.

Julieta, una professoressa di cinquantacinque anni, scrive alla figlia Antía, che non vede da dodici anni, tutte le cose che le ha taciuto negli anni delle loro convivenza. Dall'incontro con il futuro marito e padre della ragazza, alla sua tragica morte, dall'inconsolabile dolore che aveva provato agli errori che ha commesso con lei. Al termine della scrittura Julieta fa di tutto per trovare la figlia, ma prima di reincontrarla la donna deve capire che ormai sua figlia si è trasformata in una perfetta sconosciuta. 




TRAILER