My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

Robert Zemeckis

Lo spazio della vertigine

Lo sguardo sardonico di Joseph Gordon-Levitt trapassa lo schermo su cui scorre, come un lento, la scritta “true story”: è in effetti la storia del noto funambolo Philippe Petit a conquistare la sceneggiatura di The Walk, il nuovo film di un Robert Zemeckis che in queste settimane sfila da protagonista tra le righe della critica, per lo più imbalsamato dalla gloria residua di Ritorno al Futuro.

Gordon-Levitt, alias Petit, attende sospeso sulla fiaccola della Statua della Libertà il momento propizio per iniziare il suo racconto, che ripercorre, a posteriori, le tappe di una carriera fiabesca, iniziata sfiorando i viali bianchi e neri della Parigi dei Settanta per stanziarsi nella New York di qualche anno dopo, incantata dalla fabbrica operosa del suo nuovo monumento, le Torri Gemelle.

Il cielo terso della Grande Mela abbaglia il sogno americano di Petit, che si prodiga nella macchinazione di un piano, votato e devoto a un unico obiettivo: attraversare e ricongiungere a bordo di un filo il vuoto materno che separa le due torri. La messa a punto e la messa in atto del piano occupano gran parte del film, che si àncora, a dispetto di quel che racconta, al terreno statico e inerte della narrazione tradizionale: incensatore di un’impresa innegabilmente straordinaria, il film non si spinge oltre una dialettica ossequiosa, che interseca più o meno prevedibilmente la cronaca dei fatti e il commento autoreferenziale di Petit, profeta di un futuro già avvenuto.

Ma una folgorante scossa sismica agita nel finale la pianura rassicurante dell’impianto diegetico. L’ultima, lunga, sequenza ci affianca a Petit durante la sua traversata. E anche se sottratto alla visione in 3D, lo sguardo beneficia del campo di tensione che il film riesce a edificare intorno al suo fuoco: aumentando la temperatura estetica dei fotogrammi, l’architettura delle inquadrature pianifica l’elevazione emotiva del finale, la camminata sfonda lo schermo e, per un attimo, appesi al filo dell’illusione, ci intratteniamo con Petit nello spazio abitabile della vertigine

IL FILM

id.
Robert Zemeckis
Stati Uniti, 2015, 123'
Sceneggiatura:
Christopher Browne, Philippe Petit, Robert Zemeckis
Montaggio:
Jeremiah O'Driscoll
Musica:
Alan Silvestri
Cast:
Alain Bonneau, Ben Kingsley, Catherine Lemieux, Charles Gaudreau, Charlotte Le Bon, Clément Sibony, Denis Michaud, Guillaume Baillargeon, Inka Malovic, Jade Kindar-Martin, Jean-Marie Montbarbut, Jean-Robert Bourdage, Joseph Gordon-Levitt, Larry Day, Laurence Deschenes, Lucas Ramaciere, Marie Turgeon, Mark Trafford, Martin Lefebvre, Maxime Paradis, Patricia Tulasne, Patrick Baby, Philippe Bertrand, Philippe Soucy, Sasha Dominique, Serge Boulianne, Soleyman Pierini, Sylvie Lemay, Vlad Stokanic, Émilie Leclerc
Produzione:
ImageMovers, Sony Pictures Entertainment (SPE), TriStar Productions
Distribuzione:
Warner Bros

The Walk racconta la storia vera di un giovane sognatore, il funambolo Philippe Petit, che ha compiuto un'impresa passata alla storia: passeggiare fra le Torri Gemelle del World Trade Center in equilibrio su un filo d'acciaio.




TRAILER