My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

David Michôd

The King

Alla morte del re Enrico IV, Hal, il figlio maggiore lontano per scelta dalle invidie di corte e dedito più al vino e alle donne che al valzer del potere, si trova suo malgrado a ereditare il trono. Inizialmente restio a piegarsi alle logiche belliche che condizionavano il paese, Hal – ormai Enrico V – conquista sul campo di Agincourt una fondamentale vittoria per l’esercito inglese, avvicinandosi al trono di Francia e alla risoluzione di una guerra che da decenni insanguinava il regno.

In The King l’australiano David Michôd – autore anche della sceneggiatura assieme a Joel Edgerton, che nel film interpreta Falstaff – condensa gli avvenimenti di tre tragedie shakespeariane, aggiungendo all’azione principale, tratta dall’Enrico V, le premesse presenti nelle due parti dell’Enrico IV per sottolineare l’arco narrativo del protagonista e regalargli una trasformazione degna di un vero e proprio racconto di formazione. All’inizio Hal tratta con distacco – se non con disprezzo – le vicende politiche: assieme al fido Falstaff si getta a capofitto in risse, bevute e amori quasi a voler dimenticare il fantasma della corona che aleggia sul suo capo, come fosse una spada. Una volta che la responsabilità gli si impone – e capendo che raziocinio e buon cuore da soli non governano i regni – si immerge nella battaglia conducendo il suo manipolo di soldati («We few, we happy few, we band of brothers») a un’insperata vittoria.

L’intuizione di Michôd, e anche il limite principale del film, è quella di donare al suo Enrico – in contrapposizione con i modelli classici di Olivier o Branagh – un turbamento giovanile, una spensieratezza vagamente annoiata perfettamente aderente alla fisicità fanciullesca del suo attore protagonista, Timothée Chalamet. Il suo volto imbronciato che sembra sempre nascondere un capriccio o la sua pulsione introversa stridono con lo ieratico, letteralmente tragico, svolgersi degli eventi: il confronto con il suo nemico/doppio (il Delfino di Francia, interpretato da Robert Pattinson) si risolve quindi nella presa di coscienza della pulsione dei fi- gli a sospendere, se non interrompere, le carneficine volute dai padri. La sottile e stratificata riflessione di Shakespeare su responsabilità e potere, su capacità di scelta e possibilità di redenzione sfuma quindi in un discorso generazionale strutturato più sui faccini belli e pensierosi degli attori che sul prezzo di carne e di sangue che la Storia troppo spesso impone.

IL FILM

The King
David Michôd
Regno Uniti, Ungheria, 2019, 133'
Sceneggiatura:
David Michôd, Joel Edgerton
Fotografia:
Adam Arkapaw
Montaggio:
Peter Sciberras
Musica:
Nicholas Britell
Cast:
Ben Mendelsohn, Joel Edgerton, Lily-Rose Depp, Robert Pattinson, Sean Harris, Thomasin McKenzie, Timothée Chalamet, Tom Glynn-Carney
Produzione:
Blue-Tongue Films, Netflix, Plan B, Porchlight Films, Yoki
Distribuzione:
Netflix

Principe ribelle e riluttante erede al trono d’Inghilterra, Hal ha voltato le spalle alla vita di corte e vive tra il popolo. Ma quando il tirannico padre muore, Hal è incoronato re con il nome di Enrico V e si trova costretto ad abbracciare la vita alla quale aveva cercato di sfuggire fino ad allora. Il giovane re si trova ora a destreggiarsi tra la politica di palazzo, il caos, le guerre che il padre si è lasciato alle spalle, e le vicende emotive della sua vita passata, incluso il rapporto con l’intimo amico e mentore, l’anziano cavaliere alcolista John Falstaff.




TRAILER