My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

L'altra faccia delle lune

L'altra faccia delle lune

13 gennaio 1922

Una sassata fa scoppiare un palloncino nel cielo di Parigi, una tempesta fa precipitare un elicottero nei cieli dell'Iran.

I due eventi hanno in comune un nome: Albert Lamorisse, nato in questo giorno. È un regista francese, oggi quasi dimenticato, ma un vero autore di culto (e di massa) negli anni '50, grazie ai suoi poetici (ci mette mano anche Jacques Prévert) cortometraggi: Bim (1949), storia di un asinello, Crin blanc (1953), storia di un cavallo selvaggio, e soprattutto il mediometraggio Il palloncino rosso (1956), Palma d'oro a Cannes e Oscar per la migliore sceneggiatura.

«Nell'andare a scuola, il piccolo e solitario Pascal trova un palloncino impigliato a un lampione a gas. I due diventano amici. Il pallone segue il bambino dappertutto, con qualche inconveniente. Quando una sassata cattiva lo fa scoppiare, tutti i palloni di Parigi si danno convegno da Pascal e lo portano in cielo. Amate le poesie di Prévert, quello più dolce? È il film per voi. Non un'immagine di troppo, non un'invenzione fine a sé stessa, dialoghi ridotti al minimo, una calcolata mistura di buffo e di patetico e il grigio della vecchia Parigi (Montmartre) con il contrappunto rosso del pallone» (Morandini).

Lamorisse, che non regge alla misura del lungometraggio (Le voyage en ballon, 1960; Fifi la plume, 1964), scompare a soli 48 anni, il 22 giugno 1970, precipitando durante le riprese del documentario Le vent des amoureux, ma non ci lascia solo i suoi pur dimenticati film. Ancora adolescente aveva ideato un gioco da tavolo, brevettato nel 1954, con il nome La Conquête du Monde: niente meno che il nostro Risiko! Ma anche di questa paternità si è persa memoria.