My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

L'altra faccia delle lune

L'altra faccia delle lune

23 settembre 1970

Viscontiana (III): la parola al giurato (I). «Partecipo alla deliberazione più breve nella storia universale delle giurie. Mario Camerini, con il quale sto lavorando per un adattamento televisivo del romanzo Eleonora d'Arborea di Giuseppe Dessì (che poi passerà in altre mani è) ha una bellissima figlia sposata con il titolare della Birra Moretti di Udine e per ragioni familiari ha accettato di riunire una giuria per assegnare un premio a un personaggio dello spettacolo oriundo del Friuli-Venezia Giulia. Ci ritroviamo in tre nella hall dell'Hotel Regina in via Veneto: Camerini, io e Luchino Visconti. Ho in mente un candidato, ma temo che dovrò lottare per riuscire a farlo vincere perché si tratta del triestino Strehler rivale storico del Conte. E invece ci siamo appena seduti che Luchino, battendo tutti sul tempo, propone con estrema signorilità: “Io direi Giorgio...”. Vigorosi cenni di approvazione da parte mia e di Mario, dopo di che ci alziamo e ci salutiamo. Il tutto non è durato più di un intero minuto» (Tullio Kezich, Cari centenari, Falsopiano, Alessandria 2006)