My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

L'altra faccia delle lune

L'altra faccia delle lune

28 novembre 1976

Solo un regista quasi dichiaratamente omosessuale poteva avere la sensibilità e la fermezza per dirigere nel 1939 un film tutto al femminile, sin dal titolo, Donne (The Women).

Una donna, Claire Booth Luce (nel dopoguerra temibile e intrigante ambasciatrice USA a Roma) ha scritto nel 1936 la commedia da cui è tratto. Due donne, Anita Loos (già ricordata il 24 novembre) e Jane Martin, l'hanno riscritta per il cinema. La fanno rivivere sullo schermo 135 donne, tra comparse, figuranti e attrici (nemmeno un uomo vi compare), fra le quali spicca un formidabile sestetto: Norma Shearer (†1983), Joan Crawford (†1977), Mary Boland (†1965), Paulette Goddard (†1990), Joan Fontaine (l'unica sopravvissuta, oggi novantaseienne). E naturalmente lei, quella che vogliamo qui ricordare, nel giorno della sua scomparsa all'età di 69 anni: Rosalind Russell.

Caratterizzata da un'innata eleganza (forse non a caso la madre è direttrice di Vogue), dotata di un'istintiva ironia e di un brio molto glamour, pare l'ideale per le commedie brillanti e di costume, ma sfodera, se necessario, notevoli qualità drammatiche: come ne La cittadella (1938), L'angelo del dolore (1946), Il lutto si addice ad Elettra (1947).

Tra il 1934 e il 1972 compare in una cinquantina di film, ma – da noi non è mai stata oggetto di culto – bastano, oltre a Donne, pochi titoli spalmati in un ventennio ad assicurarle un posto di favore nell'immaginario europeo. A cominciare da La signora del venerdì (1940, Hawks), dove lei è la brava cronista ex moglie del direttore, seducente mutamento di genere tra la Prima pagina 1931 di Milestone-Menjou-O'Brien e quella 1974, ben più nota, di Wilder-Lemmon-Matthau, per continuare con Mia sorella Evelina (1942, Hall), Picnic (1955, Logan), La donna che inventò lo strip-tease (1962, LeRoy).

Ma è La signora mia zia ovvero Auntie Mame (1958, DaCosta), già suo gran successo teatrale, a meritare la palma: una singolare educazione sentimentale, comminata in modo stravagante e logorroico a un nipote inesperto e riluttante, sulla base di un formidabile motto: «Vivi, vivi, vivi! La vita è un banchetto ed i poveri scemi muoiono di fame...»