My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

L'altra faccia delle lune

L'altra faccia delle lune

30 agosto 1994

Muore ad Angoulême (Francia), all’età di 71 anni, Lindsay Gordon Anderson, nato a Bangalore (India) il 17 aprile 1923. Autore, a partire dal 1948, di una quindicina di cortometraggi a sfondo politico-sociale, coronata dal documentario antinucleare March to Aldermaston (1957), è, con Karel Reisz, Lorenza Mazzetti e Tony Richardson, il fondatore nel 1956 e la guida del gruppo Free Cinema, inno alla libertà, all’individualità, alla quotidianità, i cui intenti si intrecciano, in letteratura e in teatro, con quelli degli Angry Young Men (Osborne, Pinter, Wesker, Lessing, Sillitoe), con i loro eroi ribelli delle classi popolari, e troveranno ascolto – bei tempi, tempi meravigliosi – in registi quali Joseph Losey, John Schlesinger, Ken Russell, Jack Clayton, Richard Lester, Desmond Davis, Clive Donner; buon ultimo, Ken Loach, il quale per nostra fortuna continua ancor oggi le sue e le loro battaglie. Anderson ci lascia solo mezza dozzina di film, da Io sono un campione (1963) alla trilogia di Mick Travis (Se..., 1968; O Lucky Man, 1973; Britannia Hospital, 1982), dal dolente dramma Anniversario (1974) alla deliziosa commedia senile Le balene d’agosto (1987), ma il suo ruolo nel cinema britannico è fondamentale, con buona pace della signora Thatcher, dell’involuzione dei sindacati, del declino dell’anarchia.