My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

L'altra faccia delle lune

L'altra faccia delle lune

Adelante Adelio, con giudizio

Se non fosse scomparso in questa data, oggi compirebbe 79 anni l'alessandrino Adelio Ferrero.

Senza l'insipienza e la colpevole negligenza degli amministratori di quella città, oggi compirebbe 36 anni il Premio Adelio Ferrero, istituito nel 1978 per ricordare Adelio, riservato a giovani saggisti e critici cinematografici, una bella scommessa che ha visto negli anni un migliaio di concorrenti e qualche indiretto ma confortante frutto sulla stampa, nelle riviste, nell'insegnamento, nel circuito culturale e nella produzione audiovisiva.

La sede di quel premio, il Teatro comunale di Alessandria (di cui Adelio fu il primo presidente), è ora una cattedrale inagibile inquinata dall'amianto. La memoria di Ferrero è tutta racchiusa in un breve curriculum: critico cinematografico per Cinema Nuovo e Mondo Nuovo, fondatore e primo direttore della rivista Cinema e cinema, docente di storia del cinema presso il Dams dell’Università di Bologna; tra i suoi libri, Jules Dassin (1961), Jean-Luc Godard (1967), La terra trema (1969), Guida alla formazione di una cineteca (1971), Robert Bresson (1976), la curatela per Marsilio di Storia del cinema italiano (5 voll., 1976-1978), Il cinema di Pier Paolo Pasolini (1977), oltre agli scritti critici raccolti in Dal cinema al cinema (1980) e in Da un cinema a un altro cinema (2005), entrambi a cura di Lorenzo Pellizzari. Dalla prefazione a quest'ultimo riportiamo un brano che tenta di illuminare il suo percorso.

«Avanti senz'altro, ma il juicio non è la prudenza, bensì il giudizio in tutt'altro senso. Viene spontaneo questo titolo manzoniano per affrontare un ventennio di attività critica del nostro Adelio Ferrero, su due testate, quella che lo tiene a battesimo (Cinema Nuovo) e quella che egli stesso crea (Cinema e cinema).

«Adelio esordisce ufficialmente ad appena ventun anni ed esce di scena, attivo sino all'ultimo, a soli quarantadue. Oggi avrebbe settant'anni ed è inutile rammaricarsi su ciò, in termini amicali oltre che produttivi, che ci è stato sottratto. Viene solo da sorridere guardando a che cosa avrebbe pensato di Ring! [il festival della critica italiana, spentosi anch'esso nel 2010] (una bagarre, detto con una bella erre arrotondata) mentre si è certi di come avrebbe valutato il premio che sin dal 1978 gli è stato intestato: amava i giovani, li coltivava, li sosteneva e li promuoveva ma non per vie facili bensì per ardui sentieri.

«Forse lui giovane non era mai stato, sia per la serietà del tono assunto (anche se largamente partecipe degli eventi e degli umori dei suoi anni) sia per l'aspetto sempre molto controllato e più maturo dell'età anagrafica. Anche per chi l'ha conosciuto nel 1960, di soli tre anni meno vecchio di lui, al di là dell'istintiva amicizia o almeno simpateticità subentrava una specie di soggezione. E inoltre aleggiava una certa aria (o aura) di mistero. Si conosceva poco della sua vita privata, tutta all'insegna del viaggio (con tappe a Milano, Pavia e infine Bologna, ma anche tanti altri luoghi: l'ultimo è stato a Locarno per vedere il suo ultimo Bresson, il penultimo è stato addirittura Teheran, dove forse ha conseguito la malattia che lo ha falciato), se non il profondo affetto – un misto nei suoi confronti di protezione e ammirazione – che lo legava al padre Mario, operaio in ferrovia e quindi fedele frequentatore dell'alessandrino Circolo Ferrovieri, e soprattutto alla madre Carmen, già impiegata alla Borsalino, con un rapporto in entrambi i sensi da icona, non senza bruschi quanto ironici bisticci.

«Figlio della provincia, era stato capace di assumere una dimensione nazionale e quasi internazionale, intrecciando rapporti, contatti, amicizie non disgiunti da contrasti, scontri, polemiche, come naturale che sia. In più aveva una linea ben precisa, fatta di molte certezze e pochi dubbi, senza per questo non evolvere nel percorso, come altrettanto naturale che sia.»