My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

L'altra faccia delle lune

L'altra faccia delle lune

Kanin, "nato ieri"

In quell'universo composito che si chiama cinema vi sono alcune figure poliedriche che sfuggono alle classificazioni della storia e che finiscono con l'essere sacrificate alla memoria. Una di queste è sicuramente Garson Kanin (1912-1999), tanto per cambiare di famiglia ebrea russa (a quando uno studio esauriente su questa fondamentale componente della Hollywood d'antan?)

Commediografo (come la moglie Ruth Gordon), è autore di Nata ieri (1946), scritto per Judy Holliday. Regista teatrale, dirige Il diario di Anna Frank (1955, con Susan Strasberg) e negli anni '60 il musical Funny Girl (con Barbra Streisand). Sceneggiatore, scrive (con Ruth Gordon) per Spencer Tracy e Katharine Hepburn diretti da George Cukor Doppia vita (1947) e La costola di Adamo (1949). Regista cinematografico, firma tra gli altri: Situazione imbarazzante (1939), Le mie due mogli (1940), Non desiderare la donna d'altri (1940), Tom, Dick e Harry (1941), e molti anni dopo La carta vincente (1969), i soli giunti a noi.

Non basta: inizialmente musicista e attore di teatro, interpreta in seguito una decina di film e vince persino un Oscar con il documentario bellico The True Life (1945), realizzato in collaborazione con Carol Reed. Infine scrittore, pubblica fra l'altro Hollywood. Memorie indiscrete (1967), la biografia Spencer e Katharine (1970), cui si possono imputare soltanto alcune reticenze d'ordine sessuale, Moviola. Il romanzo di Hollywood (1979), noti tardivamente anche in Italia. Inedito da noi è purtroppo il godibilissimo e illustratissimo Together again! Stories of the Great Hollywood Teams, ove trova imprevedibilmente posto anche la coppia Loren-Mastroianni.

Un eclettico curriculum, costellato di delusioni provocate dalla macchina hollywoodiana, che fa di lui l'ultimo testimone critico, pungente e malizioso quanto garbato, del cinema classico. Può ben caratterizzarlo una citazione da Born Yesterday: "I want everyone to be smart. As smart as they can be. A world of ignorant people is too dangerous to live in” (Vorrei che tutti fossero intelligenti. Più intelligenti che possano. Un mondo di ignoranti è troppo pericoloso per viverci).

Non era certo uno “nato ieri”.