My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

L'altra faccia delle lune

L'altra faccia delle lune

La miniera di Davide

In un mondo dominato dagli accademici, dove occorre almeno essere professore o ricercatore autorizzato per occuparsi di storia del cinema, vorremmo affidare al ricordo immemore (bell'ossimoro) dei posteri la figura e l'opera di Davide (Dino) Turconi, nato in questo lontano giorno.

Chi ha avuto la fortuna di frequentarlo, già anziano, nella sua incasinatissima casa-archivio di Montebello della Battaglia, aveva modo di confrontarsi con la sua formidabile memoria che gli consentiva di muoversi agevolmente tra le pieghe del passato come tra gli scaffali e gli scatoloni, fornendo sempre la risposta giusta e trovando sempre il materiale richiesto. Ma all'erudizione si accompagnava la sensibilità, alla conoscenza la curiosità intellettuale, alla preparazione teorica e tecnica il gusto della scoperta.

Turconi non era un accademico, ma un semplice e un po' grigio funzionario dell'Ente provinciale del Turismo di Pavia, la città natale: era stata la sua passione, unitamente ai casi della vita, a guidarlo in un percorso lungo quasi un secolo e multiforme (ferme restando la passione per il cinema e la ricerca storica, per l'accumulo di materiali bibliografici, emerografici e fotografici), ove ad attività giornalistiche, critiche e storiografiche si aggiungeva l'attrazione per territori inesplorati.

Tappe fondamentali la collaborazione a Cinema nuova serie e a Bianco e Nero, la gestione del periglioso Cinema terza serie, i contributi per le retrospettive della Mostra di Venezia (Mack Sennett, 1961; Buster Keaton, 1963), sempre per la Biennale le sei mostre del libro di cinema (1964- 1970) con preziosi cataloghi, la fondazione (1963) dell'Associazione Italiana per le Ricerche di Storia del Cinema, la lunga attività (dal 1976) per le mirabili iniziative della Provincia di Pavia, e ancora l'aver tenuto a battesimo (nel 1982) la prima edizione delle Giornate del Muto di Pordenone, cui è restato legato sino all'ultimo, compresa la direzione della rivista Griffithiana.

Il suo patrimonio archivistico – una vera e propria miniera – , affidato, grazie all'intermediazione di Alberto Farassino e poi di Nuccio Lodato, all'Università di Pavia, resta un punto di riferimento, ancora da esplorare completamente.