My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

L'altra faccia delle lune

L'altra faccia delle lune

La presa del cinema

Capita raramente che il titolo di un film si richiami direttamente a una precisa data. All'estensore vengono in mente solo Nato il 4 luglio, confuso pastiche nazional-pacifista di Oliver Stone (1989), e il volonteroso 32 dicembre di Luciano De Crescenzo (stesso anno), data immaginaria in compenso suffragata dall'eccezionale presenza del filosofo-linguista Silvio Ceccato nel ruolo del folle Cavalier Sanfilippo che si crede Socrate.

Ma Quatorze juillet basta per tutti. Intanto perché si richiama a una data, quella della presa della Bastiglia, senza la quale il mondo e la società sarebbero stati diversi (peccato che, appena due secoli esatti dopo, la caduta del muro di Berlino abbia rimesso in discussione il tutto). Poi perché la festa nazionale francese è di per sé un evento unanimemente sentito a ogni scadenza, qualsiasi aria tiri dalle parti di Parigi. Infine perché il film di René Clair (1932), da noi appunto Per le vie di Parigi, è quanto di più delizioso e garbato, quasi a contrappasso di ogni retorica, si possa immaginare.

Sintetizza il Morandini: «Due giovani si amano, bisticciano, si dividono, tornano ad amarsi, e per sempre. Durante il distacco la ragazza perde la madre e rischia di perdere la purezza. E lui devia un po'. In una Parigi resa ancor più parigina dai festeggiamenti del 14 luglio questa commedia tenera, graziosa e leziosa è dominata dalla filosofia della cartolina per innamorati: i personaggi sono poco più che segni di sentimenti teorici. È, forse, il meno invecchiato dei primi film sonori di Clair, grazie alle scenografie di Lazare Meerson, alla gentilezza di Annabella e soprattutto alle musiche di Maurice Jaubert».

Come quella festa è la vera force de frappe della Francia, così questo film esprime alla meglio l'essenza di certo cinema francese, quella che ci avrebbe condotto, mutatis mutandis, a François Truffaut. Anche se la vera “presa del cinema” ci sarebbe giunta da ben altri autori, Jean Renoir in primis. E il suo La Marseillaise (1937), per restare in argomento, sta lì a dimostrarlo.