My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

L'altra faccia delle lune

L'altra faccia delle lune

Lo schivo De Marchi

Benché non lo si sia frequentato molto, ogni tanto pare di rivederlo, così com'era a qualche convegno o festival o anteprima. Appariva silenzioso, con un mezzo timido sorriso sul volto, il passo dei suoi scarponcini pesante ma non rumoroso, e un abbigliamento che ricordava quello dei montanari il dì di festa.

Sperando che il ritratto non sia irriguardoso, ricordiamo così Bruno De Marchi, scomparso a Milano a 72 anni in questa data, nato a Tradate (Varese), ma di origine triestina.

Bella persona di grande intensità, dagli interessi molteplici quanto mai esibiti, comprensivo con quanti non la pensassero come lui, è stato insieme critico (per i quotidiani Avvenire e Il Piccolo e per la rivista Bianco e Nero), docente universitario (dal 1992 titolare di Storia delle teoriche del cinema all'Università Cattolica di Milano e dal 2000 incaricato di Cinematografia documentaria), dopo esser stato editor della rivista Vita e Pensiero.

Ben noto per suoi due libri (István Szábo, La Nuova Italia, 1977, e soprattutto Paul Vecchiali o l'anfibiologia, La Biennale di Venezia, 1982), lo si ricorda anche come persona molto attenta alle cinematografie marginalizzate dalla distribuzione, specie quelle della Mitteleuropa e delle nazioni in cerca di identità (Québec, Catalogna, Irlanda, Islanda) o dell'Africa nera. Purtroppo misconosciute le sue più recenti pubblicazioni, tutte apparse da Euresis: Lontano da Hollywood?, 1996; Umbra Dei e palpebra del cinema, luce, 1996; Huang Tu Di/Terra gialla, 1999; Camicie nere camicie brune, 2000 (con Massimo Locatelli); L'utopia impaziente, 2003.