My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

L'altra faccia delle lune

L'altra faccia delle lune

Oh quanti bei film, oh quante belle figlie

Ripensando ai quasi quaranta lungometraggi realizzati in altrettanti anni (1948-89) da Luigi Comencini, che prende congedo, novantenne, in questo giorno, e all'intensità della sua carriera anche televisiva (dal magistrale Le avventure di Pinocchio del '72 all'intenso La Storia dell'86), spiccano alcuni nodi cui sarebbe bello che anche i lettori più giovani di queste righe avessero voglia di rifarsi.

A cominciare naturalmente dal capolavoro assoluto, Tutti a casa (1960), prototipo totale di film italiano perfetto se mai ve ne furono, per scoprire nella sua filmografia, prima e dopo, passaggi notevolissimi.

Il concitato Proibito rubare ('48), dove si conferma quel dono, da altri mai raggiunto, di saper dirigere i bambini, già palesato nei corti d'esordio, e che l'accompagnerà per l'intera carriera. Il didascalico e commovente La valigia dei sogni ('53) collegato alla “sua” Cineteca Italiana di Milano, e il dolce, melanconico La finestra sul Luna Park ('57). Il pungente Incompreso ('66) e lo splendido, originale, Infanzia, vocazione e prime esperienza di Giacomo Casanova veneziano ('68). L'inarrivabile vertice di commedia all'italiana sui generis Lo scopone scientifico ('72) e il sottovalutato Un ragazzo di Calabria ('87): per non fermarsi che alle prime risultanze.

Senza parlare, oltre che della prolifica produzione più corrente, della classe confermata nel farsi iniziatore-prosecutore di genere (Pane amore e fantasia, Pane, amore e gelosia, '53-'54), quand'anche costrettovi suo malgrado dalle ingiunzioni della produzione (Il compagno don Camillo, '65).

Senza contare il molteplice dono ereditato dal cinema italiano: le quattro figlie, due registe (la classica e nitida Cristina, anche romanziera e drammaturga; la più irrequieta e pungente Francesca), la scenografa-costumista Paola (collaboratrice, oltre che del padre e delle sorelle, tra gli altri di Zaccaro, Reali, Placido e Milani) e la direttrice di produzione Eleonora. Scusate se è poco.