My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

L'altra faccia delle lune

L'altra faccia delle lune

Senza Malizia

«Con tutta la simpatia che si può nutrire nei suoi confronti e con tutta la fiducia che a lungo buona parte della critica (prima di passare all'ostracismo) gli accorda, Samperi è uno che fa rabbia. Dotato di buone quando non ottime qualità registiche, con bel senso della macchina da presa e della direzione degli attori, non privo di gusto nel senso del costume e della ricostruzione d'epoca, presto si ripiega su se stesso, alla ricerca – talora vana – di un successo assicurato. Passa ben presto dall'atteggiamento critico e provocatorio delle sue prime cinque pellicole (con funzione di stimolo e di riflessione, come suggerisce Goffredo Fofi) a un edonismo fatto di corpi e di situazioni e poi a un côté quasi pecoreccio, salvato soltanto dal solito controllo delle qualità visive. Il complesso della sua opera, che assomma a una ventina di film, alcuni dei quali dimenticati, andrebbe analizzato in successione, giacché vi sono ripiegamenti e ritorni, alcuni addebitabili ai suoi sceneggiatori o ai suoi produttori, altri alle mode del momento, altri ancora – appunto – al tentativo di restare a galla. A voler azzardare un'ipotesi sembra quasi che il regista riassuma in sé la sorte di tanti protestatari di un tempo pervenuti allo sbando e non capaci di reggere sino in fondo le proprie istanze o di pilotarle nella direzione giusta o di non cedere alle tentazioni del consumo» (Lorenzo Pellizzari, Dizionario dei registi del cinema mondiale, a cura di Gian Piero Brunetta, Einaudi, 2006).

Chissà se, prima della sua scomparsa avvenuta il 4 marzo 2009, Salvatore Samperi, di cui qui si ricorda l'anniversario della nascita, avrà avuto modo di leggere questa scheda e magari di farci sopra qualche sghignazzata. Sono i rischi che corre sempre quel piccolo biografo critico che è il compilatore di voci enciclopediche, sospeso tra la volontà di informare, inquadrare e giudicare e il rispetto umano, che può ferire quando l'interessato è in vita e può sembrare di cattivo gusto quando non lo è più. A una certa distanza, si può solo affermare che la Lisa Gastoni di Grazie zia (1968), la Laura Antonelli di Malizia (1973), ma anche i personaggi di Nenè (1977) e di Ernesto (1979) gli sopravvivono, specie quando il critico si ricorda – come diceva Oreste del Buono – di essere un “comune spettatore”.