My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

L'altra faccia delle lune

L'altra faccia delle lune

Traumaticità repentine

Walter Veltroni ha indubbiamente grandi meriti nei confronti del cinematografo (basterebbero i primi, poveri e mitici VHS con l'Unità, anni Ottanta-Novanta; come la campagna “non s'interrompe un'emozione", purtroppo poi bellamente interrotta e oggi completamente priva di risultati, in pratica, su tutte indistintamente le reti tv non a pagamento, e anche su alcune che lo sono...) ma in definitiva, come dire, “inveltronisce” tutto, rendendo ogni cosa -si tratti di romanzo, non obbligatorio da pubblicare, o di film, opzionale da realizzare- conciliante e riconciliata, accomodante e accomodata.

L'onesto recentissimo lavoro, in chiave tutto sommato televisiva, su Berlinguer non fa eccezione, pur avendo avuto l'abilità e l'intelligenza di precedere di qualche mese, nell'uscita, il profluvio di pubblicistica che ci viene riversato addosso con culmine proprio nell'oggi, nel trentesimo anniversario della tragedia di Padova. Anche perché, onestamente -e può essere impopolare dirlo- potrebbe alla lunga a sua volta contribuire a far  prevalere la sensazione che, tanto per il povero Berlinguer che per il povero Moro, il giudizio della Storia possa essere stato agevolato e dilatato dalla traumaticità repentina delle rispettive scomparse.