My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

L'altra faccia delle lune

L'altra faccia delle lune

Un animalista per Shakespeare

Muore nel suo palazzo tra il verde nei pressi di Aylesbury (Buckinghamshire), all'età di 96 anni, assistito sino a pochi mesi prima dal 76enne compagno Martin Hensler (un maestro esteuropeo di giardinaggio) che lo precede nella fine, Arthur John Gielgud, nato a Londra il 14 aprile 1904 e «sir» dal 1953. Lo stesso anno – guarda caso – in cui viene condannato per atti osceni in luogo pubblico. Ma gli spettatori sono dalla sua parte e gli tributano un'ovazione quando appare sul palcoscenico: è solo l'inizio della lotta per decriminalizzare l'omosessualità nel regno di Sua Maestà britannica. Eppure di questi fatti non si ha notizia nei “rispettosi” necrologi italiani. Né si racconta dell'animalista convinto e tenace, che si batte all'inizio degli anni '90 contro l'industria del foie gras, raccontando in un video l'ingrassamento forzato di oche e anatre. 

Qui lo si ricorda pittosto – magari senza averlo mai visto – come mostro sacro del teatro britannico (Shakespeare anzitutto, sin dal 1924 come Romeo, ma anche Oscar Wilde e Anton Čechov), prestato al cinema (dopo l'isolato, e dal non felice esito, L'agente segreto, 1936, di Hitchcock) grazie a interpretazioni variamente memorabili: da quelle “shakespeariane” (Giulio Cesare, 1953, di Mankiewicz; Giulietta e Romeo, 1954, di Castellani; Riccardo III, 1955, di Olivier; Falstaff, 1966, di Welles) a quelle ugualmente “classiche” (Santa Giovanna, 1957, di Preminger; Galileo, 1974, di Losey, Becket e il suo re, 1964, di Glenville) a quelle parimenti in costume (Il giro del mondo in ottanta giorni, 1957, di Anderson; I seicento di Balaclava, 1968, di Richardson; Assassinio sull'Orient Express, 1974, di Lumet; Momenti di gloria, 1980, di Hudson; The Elephant Man, 1980, di Lynch; Gandhi, 1982, di Attenborough), nonché, godibilissimo, Il caro estinto (1964, ancora di Richardson).

Vengono però in tarda età i ruoli per cui maggiormente lo apprezziamo: Arturo (1981, di Steve Gordon, che gli frutta l'unico premio Oscar), Providence (1977, di Resnais), Direttore d'orchestra (1979, di  Wajda), Barbablù Barbablù (1987, di Fabio Carpi) e L'ultima tempesta (1991, di Greenaway), in cui sintetizza il suo rapporto di teatrante al cinema, così come – più didascalicamente – lo espone in un breve ritratto d'attore girato da Kenneth Branagh nel 1994, sulla base di una pièce di Anton Čechov, appunto Il canto del cigno.

Che – fuor di metafora – era un animale di tutto rispetto.