My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

L'altra faccia delle lune

L'altra faccia delle lune

Un candido giurato

Si conclude la XLVI Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, con questo verdetto:

Leone d’oro alla Città dolente di Hou Hsiao-Hsien; Leone d’argento a Un incendio visto da lontano di Otar Iosseliani; Coppa Volpi al miglior attore: Marcello Mastroianni e Massimo Troisi per Che ora è?; Coppa Volpi alla miglior attrice: Peggy Ashcroft e Geraldine James per È stata via, mentre il Leone d’oro alla carriera va a uno smarrito ed esile Robert Bresson.

Riesce a stupirsi l’altrimenti astuto Pupi Avati, membro della giuria, forse abituato alle pastette dei Nastri e dei David: «Città dolente di Hou Hsiao-Hsien era inatteso, non sponsorizzato, non preceduto da valanghe di pubblicità, con una capacità meravigliosa di raccontare e una calligrafia tutta sua, originale, misteriosa, istintiva, semplice. Anche Xie Jin, il giurato della Cina Popolare, è stato d’accordo con noi, non gli è neppure passato per la testa di obiettare qualcosa sul fatto che il film venisse da Taiwan».

Nella stessa edizione il Leone d'oro alla carriera va a Robert Bresson. Istituito nel 1971, il premio era stato allora assegnato alla strana triade John Ford, Marcel Carné, Ingmar Bergman, e l'anno successivo a una triade ancora più strana: Charlie Chaplin, Anatoli Golovnia, Billy Wilder. Ritornò nel 1982, con una vera e propria raffica ecumenica: Alessandro Blasetti, Frank Capra, George Cukor, Jean-Luc Godard, Sergej Jutkevič, Alexander Kluge, Akira Kurosawa, Michael Powell, Satyajit, Ray, King Vidor, Cesare Zavattini, Luis Buñuel. Seguirono: Michelangelo Antonioni (1983), Federico Fellini (1985), Paolo e Vittorio Taviani (1986), Luigi Comencini e Joseph L. Mankiewicz (1987), Joris Ivens (1988). Insomma, ce n'è e ce ne sarà per tutti, o quasi.