My Favorite Things
Lavori in corso, a Cineforum carta e web: l'ha certamente capito chi ha letto l'editoriale del direttore Adriano Piccardi sul nuovo numero di Cineforum. E, nel cambiamento della rivista nel suo insieme, vorremmo tener conto anche dei vostri desideri e gusti. Ecco perciò un questionario (anonimo) attraverso il quale noi possiamo conoscere meglio le vostre aspettative e le vostre opinioni, per noi preziose. Grazie.





Iscriviti alla nostra newsletter

Woody Allen

Festeggiare la vita (con leggerezza)

Uno come Woody Allen andrebbe studiato.

Andrebbe studiato come fenomeno umano, oltre che come regista e autore. Perché c'è qualcosa di misterioso e incredibile nella straordinaria e disciplinata creatività del newyorchese, puntuale anno dopo anno all'appuntamento con un film che non solo non delude (quasi) mai, ma che spesso è di altissimo livello e sempre superiore alla media del desolante panorama che lo circonda.

Pochi giorni fa Woody ha compiuto 79 anni, e in questi giorni debutta nelle sale italiane, dopo una fortunata anteprima al Torino Film Festival, il suo nuovo film, Magic in the Moonlight.

Che è un film grandissimo, solo mascherato (con ironico understatement) da minore.

Perché Magic in the Moonlight è un film dalle radici alleniane assai profonde, che con Scoop ha fortunatamente poco a che vedere e che, invece, ha molto a che vedere con Midnight in Paris, Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni (di cui è la versione riuscita, speculare e ottimista) e, ancora più indietro, La maledizione dello scorpione di giada e molto altro ancora, giù fino alla Commedia sexy.

Perché con Magic in the Moonlight, Allen continua un discorso antico e coerente sulla vita, sull'amore, sul pubblico e sul privato, che non è affatto mera riaffermazione di concetti ma costante evoluzione, positiva e esistenziale.

Attraverso i capovolgimenti di fronte, e le costanti mutazioni di posizione e potere dei personaggi di Colin Firth e Emma Stone, inevitabilmente destinati a rifugiarsi l'uno nell'altra, Woody mette alla berlina concetti come reputazione e fama, stigmatizza - relegandola a dettaglio marginale - la dittatura dell'informazione e dell'immagine pubblica di sé, nega la possibilità di una comunicazione ultraterrena: perché tutto ciò che importa, e ci serve, è con noi a portata di mano. Sta tutto nell'amore e nel sentimento, in un rapporto intimo e privato che in nulla si deve lasciar scalfire dalle opinioni aprioristiche e dalle ingerenze esterne, e che è l'unico segnale reale “magico” che dobbiamo essere pronti a riconoscere.

Insomma, Magic in the Moonlight è un film con cui Allen ci invita a festeggiare la vita e ad abbracciare l'amore, rinunciando a tutto quel superfluo che c'ingombra e ci rende goffi, lenti e un po' ridicoli: dalle illusioni che ci imponiamo da soli su chi siamo, e cosa vogliamo, e cosa dobbiamo fare, all'immagine di noi che vogliamo dare agli altri, alla rigida miopia dei nostri ideologismi.

Allen ci vuole scarni, leggeri, agili, spogliati da ogni sovrastruttura; e soprattutto autoironici e aperti: con la testa prima ancora che con gli occhi. Lui, gli occhi bene aperti ce li ha eccome, la mente non ne parliamo nemmeno; e siccome è tipo coerente, nello scrivere e girare questo film è stato lui per primo scarno, leggero e agile, privo di ogni sovrastruttura.

Anche per questo, forse, Magic in the Moonlight si maschera da minore, o viene scambiato per tale: perché raggiunge un'essenzialità registica limpida e lineare, e perché è scritto con impressionante leggerezza (ma senza alcuna superficialità), con dialoghi continui che accarezzano le orecchie con levità, continui baccagliamenti in punta di fioretto, affondi impalpabili e senza l’ossessione per le punch line a effetto, per le one liner retoricamente “alleniane”.

Quel che rimane dopo tutto questo spogliare e asciugare, nel film come nella visione, è tutto quello che conta davvero: l’amore, la leggerezza, il sentimento, l’ironia. Che a dirlo, e a farlo, sia un signore che si potrebbe ritirare, fare il mostro sacro, il Vecchio Maestro pedante e paternalista, è tutto dire. E allora, viva Woody, il suo genio e la sua stupenda e profonda leggerezza.

 

 

IL FILM

id.
Woody Allen
USA, 2014, 97'
Sceneggiatura:
Woody Allen
Fotografia:
Darius Khondji
Montaggio:
Alisa Lepselter
Cast:
Antonia Clarke, Colin Firth, Jürgen Zwingel, Natasha Andrews, Peter Wollasch, Simon McBurney, Sébastien Siroux, Valérie Beaulieu, Wolfgang Pissors
Produzione:
Perdido Productions
Distribuzione:
Warner Bros. Italia

La storia, ambientata negli anni Venti del Novecento, ruota attorno a un mago da palcoscenico la cui fiducia nel mondo empirico è messa alla prova da una giovane donna molto attraente che sostiene di essere una medium.




TRAILER